DISTACCO TRANSFRONTALIERO: IL DECRETO IN GAZZETTA UFFICIALE

pubblicato in: Consulenza del Lavoro | 0

distacco-transfrontalieroweb

Ecco come effettuare la comunicazione preventiva obbligatoria

Alla fine di settembre avevamo approfondito le novità riguardanti le modalità del nuovo obbligo di comunicazione preventiva, volti a prevenire l’abuso del mezzo del distacco transfrontaliero.

Il 27 ottobre scorso è approdato in Gazzetta Ufficiale n. 252/2016 il Decreto del Ministero del Lavoro, emanato lo scorso 10 agosto.

L’articolo in GU definisce gli standard operativi e le regole di trasmissione per effettuare la comunicazione obbligatoria preventiva. Sarà a carico del datore di lavoro prestatore di servizi che da uno Stato membro intenda inviare in Italia il proprio personale, distaccandolo presso un’altra impresa (dello stesso gruppo oppure presso un’altra unità produttiva o un altro destinatario).

L’adempimento si applica anche alle Agenzie di somministrazione.

Il prestatore di servizi, entro 24 ore del giorno precedente l’inizio del periodo di distacco, deve inviare la comunicazione tramite l’allegato modello UNI_Distacco_UE.

Tale comunicazione può essere annullata entro le 24 ore del giorno precedente l’inizio del primo periodo di distacco. Ogni variazione successiva dovrà essere trasmessa entro 5 giorni dal verificarsi dell’evento modificativo.

Le disposizioni entreranno in vigore il 60° giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta.

Disponibili sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro:
Allegato A – Modello e modalità di compilazione
Allegato B – Sistemi di classificazione
Allegato C – Modalità tecniche

Scarica il modello UNI distacco UE